Una passeggiata nella poesia

passeggiataletteraria1LA II C DELL’ITIS DI LUINO VISITA L’ARCHIVIO SERENI –

Vittorio Sereni era un poeta Novecentesco che, nonostante vivesse a Milano, nelle sue composizioni   faceva spesso riferimento alla sua città natale: Luino.

Ed è proprio qui che gli alunni della II C dell’ ITIS di Luino hanno visitato i luoghi narrati nelle sue poesie  e rivissuto le stesse emozioni del poeta.

I ragazzi si sono infatti recati alla biblioteca comunale, dove hanno avuto l’opportunità di vedere con i loro occhi l’eredità culturale lasciata dall’autore, conservata accuratamente nell’Archivio Sereni.

Una rara opportunità per questi giovani scolari – spiega la responsabile dell’archivio– se si pensa che sono dei manoscritti conservati in un armadio blindato, che deve mantenere una determinata temperatura  al fine di evitarne il deterioramento.

Nonostante siano scritte su dei block notes  ingialliti e con una grafia pessima, le poesie di Sereni rappresentano un patrimonio artistico fondamentale per Luino: per maneggiare questi documenti è necessario indossare dei guanti di cotone.

passeggiataletteraria2In biblioteca però, non si trovano solamente le produzioni letterarie del poeta Luinese, ma anche notevoli elementi relativi alla sua vita privata:  gli studenti hanno potuto visionare una dedica scritta a mano da Eugenio Montale, con cui Sereni ebbe un grande legame d’amicizia.

Gli alunni hanno poi passeggiato per le strade di Luino ripercorrendo i luoghi cari al poeta e, giunti  all’esterno di palazzo Verbania, hanno letto e commentato  due poesie dell’autore: Terrazza e Settembre.

Mentre risuonavano le parole di Sereni , i giovani scolari si sono concentrati sulla vista proposta dal lago, cercando di immedesimarsi nei pensieri dell’autore durante la fase di scrittura.

Pompei Cristian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *