isisluino.it
Google Apps Amministrazione trasparente Pubblicità legale Orario scolastico Orario autobus Calendario scolastico Ricevimento Docenti Regolamenti Regolamenti Programmi svolti
certificazione di qualità
PON_FESR 2014-2020

A 70 anni dal voto alle donne…

Concorso “A 70 anni dal voto alle donne – l’impronta delle madri costituenti nella politica futura delle donne”

Il cortometraggio illustra il coinvolgimento e la presa di coscienza della classe quarta AFM nei confronti dell’eredità lasciata dalla Madri Costituenti basato sull’iniziale studio delle loro biografie. Dopo un primo atteggiamento passivo e di quasi indifferenza ai temi proposti, i ragazzi si sono via via appassionati agli avvenimenti storici che hanno coinvolto le donne della Assemblea Costituente, riuscendo a comprendere come le stesse abbiano lasciato una impronta indelebile nella storia del riconoscimento della parità ed uguaglianza tra uomo e donna. Con questo video la classe ha partecipato al concorso “A 70 anni dal voto alle donne – l’impronta delle madri costituenti nella politica futura delle donne”

Il concorso

“Il Coordinamento donne Cgil Cisl e Uil di Varese, in collaborazione con C.P.L. Centro Promozione Legalità – Varese e USRLo AT Varese, in occasione del 70° anniversario del Decreto 74 del 10 marzo 1946 che riconosceva il diritto di voto attivo e passivo alle donne, ritiene doveroso proporre un concorso rivolto alle nuove generazioni per ricordare questo importante avvenimento che ha cambiato la storia della condizione femminile nel nostro paese. In particolare, ci interessa conoscere, analizzare e promuovere la consapevolezza delle giovani generazioni circa l’eredità lasciata dalle Madri Costituenti, e se ritengono possibile farne tesoro trasformandola in future proposte di politiche femminili in Italia. Pensiamo che la partecipazione femminile alla vita politica e sociale offra una occasione per comprendere ed approfondire eventuali contraddizioni odierne e sottolineare che il vero cambiamento culturale passa attraverso il riconoscimento di uguali diritti, pari dignità ed opportunità…” (estratto dal bando)